Chiesa e Convento dell’Annunziata: note in margine al convegno

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

benjaminViviamo in  un mondo  che pare possa  fare a meno  della storia, la globalizzazione  sembra aver  divorato il  passato non lasciandone alcuna traccia. “Qui e adesso” è la vita: un eterno presente incapace di  intravvedere le … antiche vestigia … che narrano chi siamo stati, chi siamo o quelli che avremmo potuto essere e, forse, che saremo.

Merito, perciò, a chi  con passione ed entusiasmo cerca di recuperare dall’oblio la storia del proprio paese perchĂ© diventi un bene comune senza del quale il futuro di una comunitĂ  diventa piĂą incerto. 

L’amico Alfredo Rossi ha portato a compimento la seconda fatica(la ricerca storica comporta  un lavoro lungo e difficile di studio, di organizzazione, di analisi, di interpretazione dei dati ) relativa alla storia del Comune di Ceppaloni. La prima” Ceppaloni – Storia e societĂ  di un paese del Regno di Napoli” è un grande affresco della storia del Comune a partire dalle origini alla fine del Settecento. Opera centrale per chi vuole conoscere la Storia del Comune di Ceppaloni che è analizzata in maniera rigorosa, scientifica , con una metodologia storiografica di cui è pienamente padrone. 

 

La piattaforma Rousseau

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

benjaminE’ la piattaforma informatica del “Movimento Cinque Stelle” dove vengono votate le varie proposte e  decisioni del Movimento. Anche l’eventuale premier, in caso di elezioni, sarĂ  votato dagli iscritti collegandosi alla piattaforma. Perché“ Rousseau” e non Montesquieu o altri? PerchĂ© certamente è voluto essere un riconoscimento  a Jean Jacque Rousseau che Grillo e Casaleggio considerano il padre della democrazia diretta: il popolo riunito in Assemblea decide e legifera, ma ciò era possibile, specificava  Rousseau, solo nella piccole Nazioni: la Svizzera ad esempio

Ma è proprio così?

 

Indagine over 65 nel Comune di Ceppaloni nel 2016 (5)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

benjaminMentre scrivevo l’ultimo degli articoli relativi all’indagine sugli over 65 del Comune di Ceppaloni, è stato pubblicato dall’ISTAT il “Rapporto annuale” relativo al 2016 che descrive la situazione dell’Italia: è il paese piĂą anziano tra quelli europei col suo 22,7% di over 65. Il nostro Comune, sostanzialmente, è in sintonia  col dato nazionale: una percentuale alta di anziani e un forte decremento della natalitĂ  di cui l’Italia detiene l’indice(1,27%)  piĂą basso d’Europa:  con 474. 000 bambini nati, il saldo di quest’anno  è stato negativo per ben 134.000 unitĂ .

Indagine Over 65 nel Comune di Ceppaloni nel 2016(4)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

benjaminDalla lettura dei dati e dalla conoscenza ed osservazione della realtĂ  della frazione di S. Giovanni, ricevo l’impressione che essa si trovi nell’identica condizione di Ceppaloni. Sembra che la vita sociale del paese nasca e si esaurisca tra il Bar e la Rivendita dei Tabacchi, entrambe al crocevia che porta giĂą a Tufara. Poche persone, pochi giovani che sono, anche qui, il risultato di una bassa natalitĂ  (dal 2000 al 2016 sono nati appena 76 bambini di cui 4 nel 2016) e dell’abbandono  e del non ritorno di gente che è andata via e non è piĂą ritornata o che non partecipa e anima la vita del paese. Eppure c’è stato un tempo, così come  pure perCeppaloni, che S. Giovanni era fortemente popolata; da alcune  note relative alle elezioni del 1956 ho riscontrato che S. Giovanni ha perso oltre la metĂ  della popolazione:

Indagine sugli over 65 del Comune di Ceppaloni nel 2016 (3^)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

benjamin

Qualche considerazione ancora sulla vecchiaia prima di analizzare gli over 65 di Ceppaloni capoluogo. E’ vero,  come affermava Terenzio,  che la vecchiaia è essa stessa una malattia … Senectus ipsa est morbus …  Ă¨ pur vero, però, che oggi la vita si è allungata, si muore sempre piĂą tardi per cui diventa necessario  rapportarsi ad essa  con un approccio diverso rispetto al passato. La vita media, oggi, supera gli ottanta anni e per cui l’anziano  Ă¨ ancora in grado di dare il proprio contiito alla famiglia e alla societĂ . Ma perchĂ© ciò diventi possibile è necessario inventarsi, creare  progetti e nuove politiche capaci di gestire e dare senso ad un fenomeno che, fondamentalmente, è positivo.

Sei qui: Home La rubrica di Benjamin
Find us on Facebook
Follow Us