Cosa è mai la vita?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

benjaminE’ giĂ  un mese e l’eco  della morte della piccola Maria Sofia  ancora rimbomba nel cuore del paese. Piccola, dicevo, ma grande nella sua volontĂ  di opporsi al male che l’aveva colpita appena bambina (tre anni): un male subdolo che sembrava essere stato sconfitto   e che, invece, si ripresentava nuovamente continuando a sfibrare il suo corpicino che lottava contro un destino avverso che aveva giĂ  deciso l’esito della partita.

 

Il Comune di Ceppaloni nella seconda metĂ  del Settecento (2^)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

benjaminLa scrittura del “Catasto Onciario” è, a volte, nitida, altre incomprensibile perchĂ© l’inchiostro ha provocato delle macchie che spesso  rendono vano lo sforzo, anche con lente d’ingrandimento, di intenderne il significato.

Questo il motivo per cui mi era sfuggito  un  altro “Nobile  Vivente” di nome Agostino Masiello[1] che, con la … rivela … cioè la dichiarazione fatta dall’interessato,  aveva fatto registrare solo  46  once . Anche  Masiello era di Ceppaloni e viveva in una casa di dieci … membri  soprani e sottani nel luogo detto Castellone … che confinava con la strada pubblica e con Nunzio Francione, ma   possedeva solo …  alcuni … tommoli di terra seminativi ed appena 4 pecore date … alla societĂ  di Agostino Varricchio.    

Una trilogia per la Storia del Comune di Ceppaloni

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

benjaminAd un anno dalla pubblicazione del secondo volume relativo alla storia del Comune di Ceppaloni, sono ancora molti quelli che mi chiedono  una copia del libro.  Ne feci stampare 520 copie che distribuii, gratuitamente, in tutto il Comune: nei Bar, negli esercizi commerciali del Comune ognuno  potette ritirarne una copia.  Per cui, ho deciso, come giĂ  feci per il primo volume,  di pubblicare on line su “Ceppaloni. info” il testo de libro, così da dare la possibilitĂ , a chi vuole, di poterlo leggere.

libroĂą

Scarica il libro

 

Il Comune di Ceppaloni nella seconda metĂ  del Settecento (1^)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

benjaminOgni anno i mass media  ci raccontano di come la ricchezza nel mondo sia sempre piĂą concentrata in poche mani e di come la povertĂ  sia in continuo aumento . Colpa della globalizzazione che  ha prodotto un rapporto inversamente proporzionale tra chi ha e tra chi non ha.?  Davvero è un fenomeno del nostro tempo? Per quanto è dato sapere i ricchi, sempre pochi, e i poveri, sempre tanti , sono sempre esistiti: Carlo Marx, mandato alle ortiche, forse, troppo presto, aveva affermato, nell’Ottocento, che il Capitale tende a concentrarsi sempre di piĂą nelle mani dei pochi … e l’accumularsi della ricchezza ad uno dei poli è dunque al tempo stesso accumulazione di miseria, tormento di lavoro, schiavitĂą, ignoranza, brutalizzazione e degradazione mentale del polo opposto.

Troppe memorie … nessuna memoria

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (3 Votes)

benjaminIl 4 Luglio scorso,  imovimento 5 stelle pugliese ha presentato, alla Regione Puglia, una mozione con la quale ha chiesto di istituire la â€śGiornata della memoria per le vittime meridionali dell’unitĂ  d’Italia”. Mozione che, poi, è stata presentata anche in Campania, in Basilicata, in Abruzzo e in Molise. La mozione tende, perchĂ© il tempo è maturo (!), affermano i grillini, arileggere  e rivalutare gli eventi  verificatisi dopo del 1860 quando il Regno di Napoli  fu annesso all’Italia.

Sei qui: Home La rubrica di Benjamin
Find us on Facebook
Follow Us