Marzo: il mese della poesia

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)
Marzo: il mese della poesia 5.0 out of 5 based on 1 votes.

benjaminIl modo migliore per celebrarlo è riportare alcune delle poesie scritte da poeti ceppalonesi che hanno sempre mostrato di tenere in massima considerazione la musa Calliope.

 

 

 

Carmine Ambrusco

Primavera                                                                                

Prima vera                                                                                

Mi donò le rose                                                                          

Con un fugace accenno                                                          

Ma io distratto

 

Poveri versi

Compongo

poveri versi

semplici, scarni.

Non ho pretese

Canto

La miseria del mondo    

il grande stupore del cielo

 

 

Erminio Cioffi

Terra mia                                                                                    

La terra mia fertile e nera                                

Attende lavoro e sudore.                            

Terra:                                                                      

di ombrosi boschi                                                            

di prati fioriti                                                                          

di giardini incantati di rose                                        

di spighe dal bel sol dorate.                              

Un terso tramonto illumina                                    

l’ondulata verde collina.                                                

Limpidi silenzi rivoli                                                                    

Scendono tra il verde dell’erba selvaggia.                          

All’ombra del solitario castagno                                    

Trovano meritato riposo gregge e pastori.                          

Oh terra mia! Quanti ricordi                                          

Sogni, amori, attese…

 

Emanuele Di Donato

SERA

C’è pure una solitudine che senti

Quando a sera, attraverso le tue imposte

entra il profumo della cena pronta

dei vicini e con esso un                                  

senso di calore

che ti invade estraneo e te ne

fa sentire più acuta la mancanza.

 

 

De Blasio Nereo

Vierno

Nuvole nere

ma quanno s’acchiarisce

Stu cielo scuro?

Nun t’abbaglia ‘ o sole

Ogni tanto ‘na stella tremolante

Nu poco e luna pallida                                                                                    

S’intravede ‘ a sera.

E’ Vierno,

è ancora vierno,

ma a speranza d’a primavera

m’aiuta a pensà

ca n’alba luminosa

farrà surride ‘nata vota

Stu core scuraggiato e triste.    

 

Domenico Rossi                                                                      

Sbarco in Normandia                                                                        

Carne martoriata                                                      

Testa di ponte                                                            

Che caracolla ondeggiando sul lato                                  

Miscuglio di opachi colori          

Carne umana straziata                                                             Dalle granate                                                                            

senza nessuna pietà                                                        

sangue e fango                                                                            

fango e sangue                                                        

avvolgono le ferite                                                  

e nel fossato esala                                                      

l’ultimo respiro     

Penso a sua madre                                                              

Carne tenera t’aveva fatto                                          

Per poter volare    

Ora il suo grido      

È nel vento.

 

Paolo Emilio Russo

Il mio paese

Chiudo gli occhi e d’incanto mi appari

Dimore indistinte al maniero servili

di immutabili suoni

di selvatici odori.

Scrigno custode di umana storia

a me cara

Culla di sogni, di gioia e speranze

fonte crudele di amare fatiche                                                

Immagine nobile che arreca fatica      

Fulgido faro

Porto tranquillo

della gente errabonda.

 

    

Giovanni Barone                                                                        

2012        

E’ sera, Dalla finestra della mia camera                          

Scruto il blu infinito                                                              

Le meravigliose stelle                                                          

Mi fanno compagnia                                                              

Un alito di vento                                                        

Mi fa ritornare alla mente                                                      

Leggende antiche e presagi nefasti                                        

Allungare i miei rami

Soffia il vento                                                                            

Perduta nel tempo                                                                    

Segna le ore della nostra vita.                                                  

Un calendario converge su una data                                        

Ci indica la strada                                                                      

Dell’eternità.                                                                                  

 

Francesca Barone

L’albero della vita

Vorrei essere l’albero della vita

Vorrei arrivare così in alto                      

Da osservare tutto e tutti

Vivere nella semplicità

Donare i miei frutti ai più bisognosi        

i miei fiori ai più tristi.

e prendere per mano

i bambini soli al mondo.                

Una civiltà lontana                                                                  

e tutti insieme

sulle ali di un arcobaleno

guardando la luna …

un solo desiderio

un abbraccio di un papà.

 

Luigi Tranfa

Ceppaloni

Questo paese a me tanto a cuore

Dove viverci è un grande onore.

Il centro storico dominato dal gran

Castello.

Per questo che è stato definito

Iln “Paese Bello”.

Tanta gente da questi luoghi è rimasta incantata

Dove sai trascorrere insieme ogni bella

Serata.

Qui regnano da sempre pace, amore e

Tranquillità

E anche la morte si accetta con serenità.                                                                             

 

 

 

Tanti poeti per la nostra comunità che mettono in versi emozioni, paure, angosce, gioie, dolori. Già, nel centro storico del paese, sono state affisse alcune delle loro liriche che danno forza di voler creare un angolo della poesia o un sentiero della poesia che racchiuda originalità, creatività che aprano le porte del borgo alla bellezza di un paesaggio che molti ci invidiano e a una storia millenaria che va riscoperta e fatta conoscere perché è la nostra storia.

Conoscere il passato, come si dice, per costruire il futuro.

 

Beniamino Iasiello

Sei qui: Home La rubrica di Benjamin Marzo: il mese della poesia
Find us on Facebook
Follow Us