Perché?

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (2 Votes)
Perché? 3.5 out of 5 based on 2 votes.

benjaminAvevi appena iniziato

un viaggio

che doveva essere lungo,

felice, pieno e per il quale

avevi impegnato la tua intelligenza,

la tua umanità.

Il cammino era leggero e

la vasta prateria del mondo

già ti apparteneva.

 

 

 

La voglia di vivere,

di conoscere

ti avevano spinto lontano

verso nuovi mondi e nuovi cieli

che alimentavano sogni, attese

della tua esistenza.

Ma …

Un destino spietato, cieco

ha posto fine al tuo volo.

La morte, fulminea,

è apparsa al tuo fianco e

il tempo si è interrotto

come d’incanto: un brutto sogno

che non è svanito all’alba!

Non t’ha concesso tregua,

ha spezzato, innanzi tempo, la tua vita,

negandoti

la gioia

il dolore

la bellezza,

la fatica di vivere.

Il fato, o

Chi per lui,

ha posto fine ad un vita

tutta ancora da narrare,

in maniera

tragica e crudele.

 

Quando la vita di un giovane, nel pieno del suo vigore e del suo ardore, viene spezzata in modo così assurdo e drammatico, è l’intera comunità che viene colpita nei suoi affetti più cari.

Incredulità, dolore, sgomento, smarrimento: queste le emozioni che hanno scosso l’intero paese che, con gli occhi gonfi di lacrime e grande mestizia, esprime vicinanza e solidarietà a Lucile, Emilio e Floriana per il lutto smisurato e inenarrabile che li ha colpiti.

Perché? Non lo so.

Forse, la risposta … se ne va nel vento, come canta Bob Dylan.

 

 Beniamino Iasiello

Find us on Facebook
Follow Us