Castello Medievale: “Negata la discussione”

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
Decisione assurda e sconclusionata del presidente Fantasia.
 
 
Il gruppo consiliare di opposizione 'Unità democratica per il Comune', interviene a seguito della richiesta di convocare una seduta consiliare con all'ordine del giorno "I lavori di recupero del Castello medioevale - valutazioni e determinazioni», inviata più di una settimana fa al presidente del Consiglio comunale, Giuseppe Fantasia. Richiesta che, però, non è stata accolta "perché in contrasto con i principi costituzionali". In merito, il capogruppo Nino Rossi spiega: "Abbiamo appreso dalla stampa che il presidente del Consiglio, con una interpretazione molto personale e grossolana di quanto disposto dal decreto legislativo 267/2000 (che Costituzione non è) e completamente dimenticando dello Statuto comunale di Ceppaloni e della tradizione del Consiglio stesso, ha negato, in modo assurdo, il nostro diritto ad ottenere apposita convocazione dell'assemblea. Così - sottolinea Rossi nega al Consiglio comunale e a tutti i cittadini ceppaloonesi di poter discutere e approfondire la sorte attuale e futura del Castello medievale, monumento intorno al quale si è sempre immaginato lo sviluppo turistico e culturale della nostra collettività".
Poi, il capogruppo di 'Unità democratica per il Comune' afferma: "Cosa ancora più grave il presidente Fantasia, lasciandosi andare ad affermazioni calunniose nei confronti dei firmatari della missiva, ha inoltre motivato la sua sconclusionata decisione adducendo dubbi sulla originalità delle sottoscrizioni" . Una questione rispetto alla quale i consiglieri firmatari comunicano di c "non essere disposti a non starsene fermi". Pertanto, il leader dell'opposizione evidenzia: "Mi auguro che il al Presidente Fantasia si capaciti del fatto che non svolge il ruolo né di perito calligrafico né di alto giudice costituzionale, riveda questo suo incomprensibile e molto poco democratico atteggiamento e consenta lo svolgimento del dibattito sull'argomento. Viceversa - conclude p Rossi - sarà necessario a informare il Prefetto, senza escludere alcuna a azione di lotta per far di prevalere il buon senso de e la democrazia".
 
Fonte: Il Sannio Quotidiano
Sei qui: Home News Castello Medievale: “Negata la discussione”
Find us on Facebook
Follow Us