A Ceppaloni l’Unità la fanno i separati(sti)

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (2 Votes)
A Ceppaloni l’Unità la fanno i separati(sti) 5.0 out of 5 based on 2 votes.

ceppaloniMadre e sorelle, avanguardia di un’altra mezza estate della famiglia Russo da trascorrere nel vecchio, dolce e desolato paesello natio, mi informano, con due foto via WhatsApp, delle manifestazioni di chiusura di quella che immagino dev’essere stato la stanca ripetizione delle ultime campagne elettorali per il rinnovo dell’Amministrazione comunale: calma piatta, nessun programma innovativo da spiegare ma solo contatti, talvolta pressanti, spesso accompagnate da “languide” promesse, alla sempre più smarrita e disponibile clientela.

 

Sorprendente quella ceppalonese doc. Quasi quanto quel centinaio di voti andati alla Lega Nord di Salvini: colui che più odia e disprezza i meridionali (al pari di neri e rom). Ma come lo spieghi un programma se non esiste? Cioè se non esiste il luogo vivo, pulsante, vibrante in cui realizzarlo. Insomma, sto parlando del paese, del mio paese in cui da anni un qualsiasi programma, innovativo o conservatore che sia, è defunto prima ancora che nascesse. O è esistito solo nelle parole. Vuote. E infatti non credo si sia parlato di progetti, interventi, innovazione, rilancio. Ne sono certo, certissimo, per quel versante che ha tentato di far passare un messaggio di “unità” per Ceppaloni nonostante gli stessi che lo rappresentano lavorino da sempre, con applicazione maniacale, scientifica, per smembrarlo, devastarlo, tirandogli via tutto, sangue, anima, corpo. La VITA stessa!!!.
“Unità per Ceppaloni”… La scelta di un titolo unificante per una lista fatta di persone (parlo dei leader o, per meglio dire “capintensta”) che sono state, e ancora saranno, l’emblema vivente, “fatto uomo” della separazione scientifica dettata da ignoranza, malanimo e da una voglia di rivalsa (su chi, su cosa?) covata da oltre un secolo in qua e, di tanto in tanto, pure tentata da qualche avventuroso secessionista-frazionista, come ci insegna il nostro storico di fiducia, Beniamino Jasiello. Chiamare la lista “Unità per Ceppaloni”, proprio negli anni in cui si sta realizzando la massima divisione, potrebbe essere definito ironico, sardonico, satirico, o semplicemente una possente presa per il culo. Ma forse sono eccessivo. Forse si tratta solo di proterva arroganza messa in atto da gente senza nessuna qualità che ha pensato, e ancora pensa, di poter fare di un paese antico e non banale per ciò che è stato e ciò che sarebbe potuto essere, la palestra 
per i propri esercizi per il potere assoluto, di spoliazione e di invasione. Potere cieco, cioè dispotico. E con in più l’atteggiamento sprezzante di chi ritiene di non dovrà mai rendere conto a niente e nessuno, perr esempio, della  â€œristrutturazione” (il termine e l’opera giusta sarebbe dovuta essere “recupero” che è ben altra cosa) del Castello; della mega struttura sportiva, destinata a diventare tra qualche anno (perché non già adesso?) monumento allo spreco più sbracato, palestra non per le folle inesistenti di piccoli atleti da forgiare ma per “gabibbi” della denuncia televisiva, per reportage su come la parte d’Italia più povera sia depredata dai suoi figli più rapaci. E poi scheletri di palazzi abbandonati, costati alla comunità, ignara e sgomenta, centinaia e centinaia di migliaia di euro. Ma prima o poi, scommetteteci, ci sarà un giudice anche a Ceppaloni.
A…nobilitare la chiusura della campagna per le amministrative 2018 della lista per l’Unità, i massimi esemplari della separazione morale, sociale e territoriale del nostro paese: personaggi antichi e certamente stanchi ma sempre in caccia di una poltrona qualsiasi, campassero cent’anni. E poi ex amici diventati nemici e poi ancora amici. E insieme a costoro, mescolati tra le seconde file, anche chi, pur essendo dei “nostri” ha da tempo scelto il ruolo di utile…servente quando invece i resti di quella che fu una  nobile comunità, avrebbe bisogno di unità vera. Ma per il riscatto e la rinascita. Sperando che ci sia ancora tempo..
Nino Russo
(ceppalonese, giornalista (non) in pensione)

Sei qui: Home News A Ceppaloni l’Unità la fanno i separati(sti)
Find us on Facebook
Follow Us