Ceppaloni: la Taverna Rotola inserita dal FAI come patrimonio da salvare

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

Taverna di Rotola - Ceppaloni BNCeppaloni, paesino in provincia di Benevento, ha diversi edifici di interesse storico-culturale, uno di questi è senz’altro la Taverna di Rotola, riportata anche su Wikipedia. Non si conosce di preciso l’anno di costruzione, ma si pensa che risalga al 1500. La struttura si trova lungo la Fondo Valle Sabato, la strada che collega, oggi come ieri, Benevento con Avellino e Salerno, passando attraverso il più famoso Stretto di Barba. Data la sua posizione strategica rivestiva un ruolo di fondamentale importanza per i viandanti ed i commercianti dell’epoca anche perché oltre ad offrire la possibilità di mangiare ed alloggiare, aveva anche un mulino che sfruttava l’acqua del vicino fiume Sabato per il suo funzionamento.

 

Nel corso dei secoli, con i vari cambiamenti socio-politici nonchè quelli di viabilità, la Taverna ha perso sempre di più il ruolo di fondamentale importanza che aveva. Secoli fa era di proprietà del feudatario di Ceppaloni, attualmente, oltre ad essere disabitata e fatiscente, è suddivisa tra diverse famiglie, qualcuna delle quali neanche più residente in zona. Pare che in passato qualche amministratore abbia fatto qualche tentativo di acquisizione per un’eventuale ristrutturazione, ma a quanto pare nulla si è concretizzato. Attualmente grazie alla delegazione FAI di Benevento, è stata inserita nella lista del patrimonio in pericolo della provincia. La speranza è che davvero possa esserci l’interessamento concreto per tentare di riportarla agli antichi splendori. Al momento, purtroppo, l’unica certezza è che giorno dopo giorno la Taverna perde qualche altro pezzo ed attualmente versa in condizioni davvero impietose, con una parte già crollata e con erbacce ed animali quali topi, serpenti e pipistrelli che si sono insediati in pianta stabile e non solo come viandanti in cerca di ristoro.

Fonte: tgnewstv.it

Sei qui: Home News Ceppaloni: la Taverna Rotola inserita dal FAI come patrimonio da salvare
Find us on Facebook
Follow Us