Famiglie numerose, riparte la scommessa

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)
Famiglie numerose, riparte la scommessa 5.0 out of 5 based on 1 votes.

Convegno famigliaAnche nel Sannio nasceranno sezioni dell'associazione «Famiglie numerose». Un messaggio di speranza, già nella definizione, per le comunità. Il fondatore, il parlamentare di Democrazia solidale. Mario Sberna. è intervenuto all'iniziativa del movimento di famiglie «Roveto ardente» per illustrare le finalità dell'iniziativa e quello che si sia facendo anche a livello istituzionale. L'obiettivo e rilanciare la l'orza delle famiglie in un contesto di sviluppo della società. Vengono considerate famiglie numerose quelle con almeno figli (in tempo di difficoltà e questa l'asticella che prima invece era fissata in 4 figli).

 

 

Sberna ha parlalo nella sala consiliare del Comune dì Ceppaloni, dopo i saluti del parroco don Renato Trapani e del sindaco Claudio Cataudo.  Il comune sannita diventerà il nucleo di sperimentazione di un uovo protagonismo delle famiglie che si mettono pienamente al servizio di una diversa organizzazione sociale e politica. La famiglia e soggetto centrale di una autentica rivoluzione nonostante la fatica di arrivare alla quarta settimana e di pensare il primo tìglio. La scommessa delle famiglie numerose, però, non e affatto una provocazione, «Famiglia diventa ciò che sci -ha ricordato Sberna citando Giovanni Paolo II -vuole dire riprendere sul serio quello clic significa il matrimonio, cioè un sacramento per il bene altrui. Da sempre si tende a ricondurlo soltanto nella sfera privata. Le famiglie devono uscire e partecipare alle slide di questo tempo, creare nuovi spazi di discussione e soprattutto non chiedersi tanto chi sia Dio ma dove si trovi». Famiglie numerose naturalmente vuole dire anche adozioni e affidi. In Italia sono ancora 25.000 i bambini ospitati in Istituti. Il sociologo Francesco Vespasiano (Università del Sannio) ha confermato le sensazioni della base. «La famiglia - ha detto - deve sostenere la società stravolgendo lo schema che prevedeva che la società facesse qualcosa per la famiglia. Naturalmente il primo compito della famiglia è quello generativo. Il tasso di denatalità e ai massimi storici e dove si concepiscono figli spesso è il risultalo di incoscienza più che di razionale programmazione». Tante le ricerche sulla gioventù prolungala. «È vergognoso - ha aggiunto Vespasiano - che i giovani di 35 anni, in media, vivano ancora a casa con i genitori. In Italia purtroppo si arriva al matrimonio già spompati e questo incide sulla gestione dei nuclei familiari». La responsabile del «Roveto ardente», Angelina Caliendo. ha presentato l'esperienza del gruppo di Ceppaloni e i progetti legati a un inserimento delle famiglie nella vita sociale, culturale e politica del territorio.

Fonte: Il Mattino

Sei qui: Home News Famiglie numerose, riparte la scommessa
Find us on Facebook
Follow Us