Ceppaloni, che gioia! Capitan Iannace racconta le sue emozioni: “La promozione in serie C2 è meritata, non abbiamo mai mollato. Dedicata a Carmelo Imbriani”

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (2 Votes)
Ceppaloni, che gioia! Capitan Iannace racconta le sue emozioni: “La promozione in serie C2 è meritata, non abbiamo mai mollato. Dedicata a Carmelo Imbriani” 4.5 out of 5 based on 2 votes.

news foto ceppaloniCeppaloni in serie C2. Il team sannita si aggiudica lo spareggio promozione con l’Arca Montesarchio, come già ampiamente raccontato sul nostro portale sabato scorso, ed accede al secondo campionato regionale dopo una stagione mozzafiato che ha visto la squadra di Farese sfiorare anche la finale di coppa Campania. Ai microfoni di punto 5 è intervenuto Marco Iannace, capitano del Ceppaloni che racconta al nostro portale tutte le sue emozioni per questa straordinaria cavalcata: 

 

Raccontami che emozione hai provato per questa promozione in serie C2.
“Senza dubbio la promozione è stata un’emozione forte che ha reso felici noi e i nostri tifosi che sono giunti in massa ad Ariano Irpino nonostante la distanza. Ci hanno sostenuto alla grande, è stato uno spettacolo eccezionale. È difficile descrivere ciò che senti in quel momento, soprattutto per un ragazzo come me cresciuto calcisticamente in questa squadra. Sicuramente posso dire che far festa insieme alla nostra gente è stato fantastico e ora la società sta organizzando una festa di piazza che ci permetterà di vivere altre emozioni. Ci tenevamo a chiudere nel migliore dei modi una stagione difficile e ci siamo riusciti con il sigillo finale battendo L’Arca Montesarchio”. 

Una straordinaria cavalcata culminata dalla promozione in serie C2. Può raccontarci i segreti di questa squadra? 
“Penso che in ogni sport di squadra, il gruppo sia fondamentale. L’affiatamento, sapere che puoi far conto sui tuoi compagni è qualcosa che ti dà fiducia e forza ed è stata questa la chiave del nostro successo, anche nelle partite in cui eravamo rimaneggiati”. 

La stagione è stata un continuo ping-pong con l’Arca Montesarchio. Quanto è stato stressante ribattere e contro-ribattere? 
“È stato molto stressante. Il Montesarchio ha dimostrato di poter tenere il nostro passo fin dall’inizio e si è sempre confermata una squadra ostica. Sono stati davanti per tutto l’anno sfruttando due nostri passi falsi, ma negli scontri diretti siamo riusciti a recuperare terreno vincendo in casa e pareggiando fuori. Nelle ultime giornate di campionato eravamo certi di questo faccia a faccia finale. Siamo arrivati carichi e tutti hanno dimostrato di essere all’altezza di questa maglia. Un plauso va al Montesarchio che ha sorpreso tutti disputando un campionato sempre di vertice”. 

Un roster formato da calcettisti che fanno invidia a squadre che disputano categorie superiore, chi le ha impressionato do più?
“Il giocatore che mi ha impressionato di più è stato Giorgio Zollo. Ma non perché ha giocato con noi, ma per il fatto che nonostante abbia un problema all’undito si è fatto trovare pronto ed è stato decisivo come nell’andata contro il Montesarchio. Atleticamente è formidabile non immaginavo che fosse cosi bravo. La sua bravura è stata premiata anche dalla convocazione nella nazionale sordomuti. Altri giocatori importanti che abbiamo incrociato in questo campionato, si sono rivelati Cecere del Montesarchio e Tirelli, il portiere del Calvi. Anzi direi che per quest’ultimo è stata una conferma, visto che lo conoscevamo già”. 

Che progetti ci sono per la prossima stagione? 
“Per quanto riguarda la prossima stagione bisognerebbe chiedere ai dirigenti. Io darò il massimo in campo e lotterò sempre per questa maglia. Sul nostro petto c’è stampato lo stemma di Carmelo Imbriani e ogni volta che scendiamo in campo il nostro primo obiettivo è quello onorarlo, quindi lo faremo anche in C2. Conoscendo bene dirigenti come Angelo Sabatino, Gianni Testa, il vice presidente Luca Barone e il presidente Fortunato Farese, posso dire che puntano sempre in alto. Il Ceppaloni ha un pubblico caldo che ha tanta voglia di sognare, dunque penso che potremo essere protagonisti”. 

Prima Iuorio e poi Catalano. Cosa pensi dell’operato dei due allenatori? 
“Abbiamo avuto un cambio di allenatore dopo la prima parte di stagione. Con Alfonso Iurio devo ammettere di essermi trovato molto bene. È molto preparato in ogni settore. Anzi è merito suo se siamo arrivati in semifinale di Coppa Campania. Ci ha dato una impronta di gioco importante. Poi la società ha deciso di affidare la squadra a Remo Catalano che conoscevo ai tempi del Benevento Futsal e prima ancora avevamo condiviso l’esperienza della stagione 2008/2009 qui a Ceppaloni. È stato bravo a gestire bene il gruppo dando fiducia ad ognuno di noi. Abbiamo fatto una grande rimonta vincendo otto partite più lo spareggio dal sua arrivo pareggiando solo una volta. Infine vorrei ringraziare la società e i miei compagni di squadra, anzi amici, perché quest’ anno mi sono stati vicini in un momento difficile, facendomi sentire tutto l’appoggio e l’affetto di cui avevo bisogno”. 

I PROTAGONISTI DELLA PROMOZIONE – Giocatori di movimento: Donato Biele Andrea Bosco Iannace Marco Gabriele Luongo Mirko Federici Andrea Mariano Antonio Arigliani Andrea Festa Giorgio Zollo Matteo Pisani Andrea Civarra Antonio Rossi Andrea Civerra All.: Remo Catalano. Staff dirigenziale: Presidente Fortunato Farese; vice- presidente Luca Barone; direttore generale Angelo Sabatino; direttore sportivo Gianni Testa, Team Manager Giuseppe Silvestri.

Fonte: Punto5.it

Sei qui: Home News Ceppaloni, che gioia! Capitan Iannace racconta le sue emozioni: “La promozione in serie C2 è meritata, non abbiamo mai mollato. Dedicata a Carmelo Imbriani”
Find us on Facebook
Follow Us