A settembre pioggia di interrogazioni in aula

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)
A settembre pioggia di interrogazioni in aula 4.0 out of 5 based on 1 votes.

comune ceppaloniTornerà a riunirsi a settembre il Consiglio Comunale di Ceppaloni. Dopo la ‘pausa estiva’ la scorsa settima si è riunita la conferenza dei capigruppo a cui non ha però preso parte il capogruppo di maggioranza Domenico Parente. La data individuata è quella del 9 settembre. Le argomentazioni all’ordine del giorno saranno diverse con la seduta che sarà caratterizzata dalle interrogazioni presentate dal capogruppo di opposizione Enzo Barone, alcune delle quali attendono risposta da più di due mesi. Il primo interrogativo posto dal capogruppo di ‘Cambiamo Ceppaloni’ al Sindaco è quello relativo al costo eccessivo delle utenze telefoniche.

 

Il Comune di Ceppaloni ha infatti ben quindici utenze attive (sette solo per il Municipio più quelle delle scuole, della Banca del Tempo e di Qui Enel a carico dell’Ente) con un costo bimestrale di quasi 2 mila 500 euro. L’esponente di opposizione chiede dunque le motivazioni dell’eccessivo numero di linee e le soluzioni che l’Amministrazione intende adottare per conseguire risparmi. Altra questione sollevata già a giugno da Enzo Barone è poi quella del costo delle utenze idriche (28 quelle a carico del Comune di Ceppaloni). Tra le criticità rilevate la spesa eccessiva per il servizio (5 mila 600 euro a trimestre) ed anche in riferimento alle fontane pubbliche (577 euro a trimestre). Il capogruppo di ‘Cambiamo Ceppaloni’ chiede dunque “perché sono ancora attive, con sperperi per l’Ente e, quindi, per la collettività, ancora alcune utenze su strutture comunali che da anni non sono attive e in disuso (come la scuola di Tressanti e quella di San Giovanni), a quali strutture sono allacciate le utenze idriche in carico al Comune di Ceppaloni che riguardano piazza Stella e via Cortile”. Enzo Barone invoca provvedimenti immediati per ridurre gli sprechi, chiedendo al Sindaco “se non ritiene utile ricontrattualizzare, con Alto Calore Servizi, il costo complessivo della bolletta idrica del Comune”. Maggiore attesa comunque suscita l’interrogazione sul futuro del ‘Patto Territoriale’. Dopo l’annuncio nei mesi scorsi del presidente del Cda Giacomo Fantasia di portare i libri contabili in Tribunale per la messa in liquidazione non si è registrato nessun nuovo sviluppo. Lo scioglimento del ‘Patto Territoriale Sviluppo 2000 Valle del Sabato’ (per il quale erano stati stanziati 100 miliardi di vecchie lire e che avrebbe dovuto creare 500 nuovi occupati) appare però ormai segnato, Barone ha dunque chiesto al Sindaco “Quali immediati provvedimenti intenda porre in essere per evitare che il CDA debba rivolgersi al Tribunale per l’avvio della procedura per la messa in liquidazione”, considerando che il Comune detiene la quota maggioritaria della società consortile. Il Consiglio Comunale poi, dopo la discussione sulle tematiche sollevate dal coordinatore del PdL, sarà chiamato a deliberare sul Piano di azione per l’energia sostenibile. A chiudere la seduta del civico consesso saranno infine la nomina della commissione locale per il paesaggio, per la quale era stato predisposto un bando al fine di acquisire i curricula di esperti del settore, e di quella per i fondi del terremoto.

Fonte: Il Sannio Quotidiano 

Commenti   

 
-1 #1 RE: A settembre pioggia di interrogazioni in aularafael 2013-08-28 15:52
Caro enzo vogliamo sapere la tua posizione per quanto riguarda i rifiuti e la casa albergo per anziani. Ad oggi come opposizione neanche una parola!!!
Citazione
 
Sei qui: Home News A settembre pioggia di interrogazioni in aula
Find us on Facebook
Follow Us