Accordi di reciprocità, Ceppaloni e i Comuni limitrofi puntano sulle strade

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

stretto_barbaStrade, infrastrutture, e persino una centrale fotovoltaica. C’è di tutto nell’elenco dei progetti candidati a finanziamento nell’ambito degli Accordi di reciprocità del Sistema territoriale di sviluppo D1 – Benevento. Dieci i comuni che ne fanno parte, guidati dal capoluogo. Ed è beneventano il progetto portante, il ‘Polo del gusto e della qualità’, precursore della Piattaforma logistica. Palazzo Mosti vorrebbe realizzare a Olivola – Roseto (nella foto) una maxi vetrina delle produzioni agroalimentari e artigianali di Benevento e del Sannio. Un centro di promozione dei prodotti locali ma anche di scambio. Nell’area potrebbero infatti tenersi anche i tanto attesi farmer’s market, mercatini agroalimentari basati sul principio sempre più invocato della ‘filiera corta’. Previsto anche un incubatore d’impresa. Il progetto cardine del Sistema urbano Benevento si candida a un maxi finanziamento da 35 milioni, quasi la metà dell’intero programma. Corposo anche l’investimento (9 milioni) richiesto dalla Provincia per l’adeguamento della strada provinciale 8.

Il restante 50 per cento dei progetti è stato proposto dai comuni dell’hinterland beneventano. A fare la parte del leone, almeno in termini di candidature, è Sant’Angelo a Cupolo che ha presentato ben sei proposte per un totale superiore ai 23 milioni. Tra le opere previste anche una centrale fotovoltaica. Consistente anche l’intervento proposto congiuntamente da Arpaise, Ceppaloni e San Leucio del Sannio. I tre comuni associati per l’occasione chiedono la realizzazione di un nuovo asse stradale che dovrebbe collegare la Valle del Sabato alla viabilità provinciale ed extraprovinciale. Per la realizzazione della ‘Via delle Streghe’ sarebbero necessari quasi 7 milioni di euro. Puntano sulla viabilità anche San Giorgio del Sannio e San Martino Sannita che si candidano a far nascere il ‘Giro dei Santi’, asse di collegamento finalizzato al decongestionamento del centro cittadino sangiorgese. Circa 5 milioni il costo previsto. Interventi infrastrutturali al servizio delle aree industriali vengono richiesti da San Nazzaro e San Nicola Manfredi, mentre Calvi batte il sentiero della storia e propone il restauro del palazzo di Federico II in località Cubante.
Il totale dei finanziamenti richiesti nell’ambito del Sistema territoriale D1 è di quasi 88 milioni di euro, mentre i progetti ‘sponda’ privati ammontano a circa 138 milioni. L’Sts D1, al pari degli altri cinque della provincia di Benevento, dovrà presentare la propria candidatura entro il prossimo 14 dicembre.

 

 

 

Fonte: Il Sannio Quotidiano

Sei qui: Home News Accordi di reciprocità, Ceppaloni e i Comuni limitrofi puntano sulle strade
Find us on Facebook
Follow Us