Affascinante incontro tra musiche lontane

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

sancto janneCeppaloni News. Si presenta così il progetto che vede protagonisti i Sancto Ianne, il gruppo musicale che ha fatto della tradizione sannita la bandiera del proprio stile.  La formazione si prepara ad un'attivissima tourneè che prenderà il via proprio in città, il prossimo 9 luglio, in Piazza Piano di Corte, nell'ambito della kermesse “Quattro notti e... più di luna piena”.  Un appuntamento speciale perché si tratta della 'prima' di un grande progetto, una nuova avventura che vede il gruppo nato a San Giovanni di Ceppaloni collaborare con un grande artista Maurizio Martinotti nel nuovissimo: “Storie di riso e tabacco”.  L'incontro della formazione con il musicista dell’ensemble piemontese dei Tendachënt e da anni indiscusso protagonista della riscoperta di uno degli strumenti tradizionali più affascinanti, la ghironda, è tra i più emozionanti della stagione. 

Le storie ed i suoni del Sannio e del Monferrato si mescoleranno per dar vita ad uno dei progetti più interessanti della scena folk italiana.  Il concerto si svilupperà attraverso i brani più rappresentativi dei repertori dei Sancto Ianne e dei Tendachënt quali Caudariello, Uno ‘nponta ‘a luna, ‘E bolle d’’a Malvizza, Scapulà, Un futuro a sud (Omar), Uocchie, Tinna, ‘Nsumma al pont ad Mantua, Monferrina di San Michele/Mala tempora/Luvara, Stranòt d’amur/Vurì Amnì, Ungino, Deuit ed altri ancora.  I Sancto Ianne, con questa proposta, hanno scelto le strade del nord Italia per poter vivere una nuova emozionante esperienza fatta di storie di terra, appunto “Storie di riso e tabacco”.  “E' un progetto molto importante – ci spiega Alfonso Coviello – che ci ha appassionato e ci ha portato a lavorare in maniera incrociata. Noi Sancto Ianne sul repertorio piemontese, Martinotti sul nostro. Da qui sono nati tanti brani che ci hanno permesso di ‘montare’ uno spettacolo ben più lungo di quello che in un primo tempo ci aspettavamo. La sua grande capacità – ci ha spiegato ancora Coviello – è stata dimostrata anche dalla discrezione usata nell'armonizzare la ghironda alle nostre musiche, uno strumento che non sarà solo un colore, ma avrà vere e proprie parti. La stessa cosa è accaduta a noi nello studio del suo repertorio, di cui lo stesso Martinotti si è dichiarato molto soddisfatto. Per questi brani abbiamo tentato di rimanere il più fedelmente possibile ancorati agli originali, inserendo le nostre caratteristiche particolarità. E questo è uno dei motivi che ci fa attendere con curiosità la reazione del pubblico a questa mistura di dialetti e sonorità così diversi”.
Ricordiamo che “Storie di riso e tabacco”, dopo l'anteprima nazionale di Benevento sarà l'11 luglio al Festival Musica in castello di Fontanellato (PR); 12 luglio al Circolo Arci Kroen di Villafranca di Verona (con un concerto e un seminario); il 13 luglio al Festival Folkermesse di Casale Monferrato (AL); il 26 luglio al Festival Arzibanda di Capistrello (AQ); il 2 agostoal Festival TarantaFest - Milo (CT); il 3 agosto al Festival Paleariza - Bagaladi (RC); il 9 agosto al Folk Festival di Petacciato Marina (CB); il 16 agosto con il 'Mò Siente Tour' la formazione si esibirà a Sassinoro (BN), mentre il 31 agosto sarà al Folk Festival - Avigliano (PZ).
La line – up del gruppo conta: Gianni Principe voce, castagnette, scacciapensieri; Ciro Maria Schettino chitarra acustica, chitarra battente, mandoloncello, mandolino, ciaramella; Antonio Pasquariello chitarra classica, chitarra acustica, chitarra elettrica; Sergio Napolitano fisarmonica, percussioni; Raffaele Tiseo violino; Massimo Amoriello basso elettrico; Alfonso Coviello tammorre, tamburello, darbouka, drum set, percussioni, Pierluigi Iele tecnico del suono e Maurizio Martinotti voce e ghironda
.

 

Fonte: Il Sannio Quotidiano

Sei qui: Home News Notizie dalla provincia Affascinante incontro tra musiche lontane
Find us on Facebook
Follow Us