Aree interne, continua la desertificazione. Ceppaloni - 0,4%

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
ISTATProsegue inesorabile il declino demografico di vaste aree della provincia di Benevento. Anche nel primo semestre del 2009, Fortore, Alto Tammaro e Titerno hanno fatto registrare saldi negativi con percentuali in alcuni casi davvero rilevanti.
Nel complesso la popolazione provinciale è in lieve calo. Dai 288.726 abitanti del dicembre 2008 si passa infatti agli attuali 288.367, con un calo di 359 unità pari allo 0,12%. Il saldo è comunque attivo rispetto al censimento del 2001 quando nel Sannio furono rilevati 286.866 abitanti.
In linea anche il dato del capoluogo. Benevento passa dai 62.507 residenti del 2008 ai 62.340 registrati a fine giugno, per un calo percentuale dello 0,27%. Nel 2001 furono censiti 61.773 beneventani.

Per quanto riguarda il dettaglio zonale, Fortore e Tammaro confermano il loro progressivo spopolamento, accompagnati dal Titerno. Nel Fortore sono in discesa tutti i Comuni ad eccezione di Baselice (+ 0,18%). Il trend negativo è particolarmente accentuato in centri come Castelvetere Valfortore (- 1,5%), Molinara (- 1%), Castelfranco in Miscano (- 1%).
Nel Tammaro si salva solo Colle Sannita che fa registrare una leggerissima crescita. Per il resto la fa da padrona la desertificazione con picchi negativi a Sassinoro (- 2,5%), Reino (- 1 %), Campolattaro (- 1%). Curioso il dato dei due Fragneto. Malgrado siano confinanti, i due centri hanno chiuso il primo semestre 2009 con un saldo diametralmente opposto: Fragneto l’Abate ha perso l’1,6% degli abitanti mentre Fragneto Monforte è in crescita dell’1%.
Nel Titerno è positivo solo il saldo di Cerreto Sannita con una crescita dello 0,7%.
Male anche in Valle Vitulanese dove sale solo Cautano (+ 0,7%).
Riscontri altalenanti invece negli altri comprensori del Sannio. Prevale il segno positivo in Valle Telesina dove il capoluogo, Telese Terme, fa segnare una crescita boom di ben 148 unità pari al 2,2%. Bene anche San Salvatore Telesino, Amorosi, Dugenta, Melizzano. In netta controtendenza Puglianello che perde addirittura 25 unità pari all’1,7%.
In Valle Caudina crescono i piccoli centri al confine con la provincia di Caserta (Forchia, Arpaia, Paolisi, Durazzano) e l’enclave irpina in territorio beneventano, Pannarano, mentre calano, seppur di pochissimo, il capoluogo Montesarchio e Sant’Agata de’ Goti.
Dati ambivalenti nell’hinterland del capoluogo. Ai saldi positivi di Calvi (+ 1,4%), San Martino Sannita (+ 1%), Apollosa (+ 0,7%), fanno da contraltare i cali di San Leucio del Sannio (- 0,86%), Arpaise (- 0,68%), Ceppaloni (- 0,4%).
Curiosità: in molti comuni chiamati al voto delle scorse amministrative si è registrato un aumento dei residenti nell’imminenza del voto. Semplice casualità?
Fonte: Il Sannio Quotidiano
Sei qui: Home News Notizie dalla provincia Aree interne, continua la desertificazione. Ceppaloni - 0,4%
Find us on Facebook
Follow Us