Un ricordo personale

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (4 Votes)
Un ricordo personale 5.0 out of 5 based on 4 votes.

3240E68D-ECCB-4702-9BC0-30AEE2B778C8E’ morto Mario Silvestri, don Mario: così era conosciuto in paese dove tutti gli volevamo bene.

Lo si incontrava spesso perchĂ© stava sempre in giro, durante le ore antimeridiane, per fare piccoli servizi o fermo alle “stazioni” del paese a bere i suoi “nani”. Sempre sorridente, di buon umore e pronto a fare quattro chiacchere con le quali ti metteva al corrente dei fatti del paese o dell’ultimo evento che si era verificato. Quando mi incontrava, con la bonomia che lo contraddistingueva, diceva: prufssò u sapite ca ve voglio bene, come sta a signora vostra, salutatmell. E io di rimando: pur’ io ti voglio bene, u saie,però l’accordo fatto non cambia!

 

 

 

In che consisteva? Nel bere, alla mia salute, un po’ di vino, solo nelle feste comandateNatale, Pasqua, poi aggiungemmo il Ferragosto e qualche altra festa e basta, perchĂ© non era la “medicina di cui aveva bisogno! Quando fu colto dal primo malore, circa un mese fa, andai a trovarlo in ospedale e mi accorsi che il suo sorriso stava incominciando a spegnersi che, forse il tempo della sua vita terrena si avviava alla fine. La notizia della sua morte, anche se, purtroppo attesa, ha arrecato, credo, dolore all’intero paese che era abituato a vederlo ogni giorno col suo sorriso franco che trasmetteva simpatia, rispetto, gentilezzaVi era candore, ingenuitĂ  quasi, nel suo sguardo: un adulto col cuore da bambino, così mi piace ricordarlo.

Il paese diventa sempre piĂą povero quando qualcuno ci lascia, soprattutto quando la sua figura, per tanti anni, ha fatto parte del nostro â€śPresepio”, del nostro essere ComunitĂ . Sincere condoglianze ai familiari.

Che la terra ti sia lieve

 

       Beniamino Iasiello

 

Sei qui: Home La rubrica di Benjamin Un ricordo personale
Find us on Facebook
Follow Us