“Le voci” che sono in ognuno di noi

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (2 Votes)
“Le voci” che sono in ognuno di noi 4.5 out of 5 based on 2 votes.

benjaminEro militare a Roma nella primavera del 1973. E, ogni mattina, mi recavo, dalla caserma Castro Pretorio al Ministero della Difesa di via XXIV Settembre. Vi era grande libertĂ  in quanto si usciva la mattina  e si poteva rientrare per il contrappello. Avevo cercato sempre di rinviare l’odiato momento, ma arrivò  e …  fui costretto a partire e per 13 mesi svolsi il servizio che la patria richiedeva. Un pomeriggio di quella primavera, passando davanti al teatro “Eliseo”, vidi che veniva rappresentata una commedia di Eduardo De Filippo. Occasione unica ed irripetibile: assistere alla rappresentazione de” Il Sindaco del Rione Sanità”. Tra l’altro, il Giovedì vi era uno spettacolo pomeridiano dove i militari pagavano la tariffa ridotta.

 

Sgaiattolando qualche ora prima dal Ministero, arrivai in tempo e  …  quella volta è rimasta un ricordo che non è mai piĂą andato via.  Non mi fu piĂą possibile, successivamente assistere ”live” ad altre commedie di Eduardo, per cui sono rimasto particolarmente legato a  “Il Sindaco” e alla grande interpretazione che  Eduardo diede di Don Antonio Barracano:  il Sindaco del Rione SanitĂ .  Quarantadue anni dopo, grazie al regalo di Natale delle mie figlie, ho assistito, alcune sere fa,  al teatro “Argentina” di Roma, ad una  commedia Di Eduardo De Filippo, Le Voci di Dentro, che non poteva trovare interprete migliore di Toni Servillo. Splendido anche  Peppe Servillo, ex cantante degli “Avion Travel” e fratello di Toni.  E’ una commedia del 1948, scritta di getto in pochi giorni, che pone al centro dell’attenzione una societĂ  uscita da pochi anni da una guerra che ha lasciato non solo macerie materiali, ma anche morali;  la difficoltĂ  di stabilire relazioni umane, il guardarsi sempre con sospetto, aver paura dell’altro … un delitto lo avete messo tra le cose probabili di tutti i giorni; assassinio nel  bilancio familiare! … perchĂ© la famiglia Cimmaruta, pur di salvarsi, decide di uccidere Alberto Saporito che dovrebbe essere in possesso delle prove di un crimine che, come alla fine si scoprirĂ ,  nessuno della famiglia Cimm0aru00ta aveva commesso perchĂ© Alberto  aveva sognato l’assassinio dell’amico Aniello Amitrano.

Tutto ha inizio da un sogno e dal suo  intreccio con la realtĂ  che mette in crisi i rapporti all’interno della famiglia  che un po’ alla volta si sgretola e porta i personaggi, ma anche la societĂ , verso una deriva morale da cui diventa difficile risalire.

Le voci di dentro non sono, come si potrebbe pensare, quelle della coscienza, ma quelle che abitano nel profondo dell’uomo e che fanno  paura, danno un senso di vertigine quando riescono a prendere il sopravvento perchĂ©  irrazionali ed incontrollabili. La figura di  zi  Nicola, la cui unica voce è … il silenzio,  oggi, nella societĂ  della comunicazione, potrebbe apparire marginale, se non superflua o antica, invece è quella che assume, maggiore spessore,  perchĂ©, in una lettura moderna del suo “linguaggio”, rappresenta il saggio il quale ha capito che la societĂ  “tecnologica”(diremmo oggi) dilata i confini del mondo esterno, ma annulla i rapporti interpersonali provocando solitudine e sofferenza …parlare è inutile. L’umanitĂ  è sorda … ed ha perfettamente ragione perchĂ©, altrimenti, sarebbe inspiegabile come l’uomo ricada sempre negli stessi errori. Forse, perchĂ©, come diceva Hegel, così è sempre stato  da Caino ed Abele.

 Una grande pièce  recitata e diretta magistralmente da Toni Servillo e dall’intera compagnia  che non lascia  rimpiangere la versione originale perchĂ© il protagonista(Alberto – Toni) è di una bravura mostruosa ed è affiancato da un cast eccezionale. Ho giĂ  detto di Peppe Servillo, ma voglio ribadirlo: era fantastico come cantante e di piĂą lo è stato come attore regalando al pubblico una grande performance  nei panni di Carlo Saporito che gli ha permesso di conseguire il premio “Maschere del Teatro Italiano” quale migliore attore non protagonista. Mentre  Toni Servillo è stato premiato per la migliore regia, per il migliore spettacolo di prosa e migliore attore protagonista. Tutti ampiamente meritati.  Applausi a scena aperta  e il teatro esaurito in ogni ordine di posti.

Ogni tanto è bello riandare ad un passato lontano, ma con la consapevolezza che esso aiuta a  costruire  il futuro e  â€¦ beh,  mi piacerebbe, tra altri quarantadue anni,  poter assistere ad una nuova commedia dal vivo di Eduardo. L’importante è crederci, oh no!!

Beniamino Iasiello

Sei qui: Home La rubrica di Benjamin “Le voci” che sono in ognuno di noi
Find us on Facebook
Follow Us