Patto Territoriale. Anche la Provincia per la messa in liquidazione

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)

patto territorialeResta ancora appeso ad un filo il destino del Patto Territoriale Sviluppo 2000 Valle del Sabato. Le sorti dell'organismo (nato nel 2001 tra i comuni di Ceppaloni, Arpaise, San Leucio del Sannio, Pannarano, Roccabascerana ed Altavilla Irpina con l'obiettivo di favorire l'insediamento industriale grazie agli originari cento miliardi di finanziamento stanziati) sono tornate sotto i riflettori dell'attenzione pubblica in quest'ultimo periodo nel Comune di Ceppaloni che ,con il 36% , è tra gli azionisti quello con la quota più consistente.

 

 

 

La discussione si era accesa dopo l'annuncio del presidente del consiglio d'amministrazione del Patto Territoriale di voler procedere allo scioglimento della società, considerato lo stato di inattività in cui si trova. Giacomo Fantasia aveva inoltre lamentato l'impossibilita di riunire l'assemblea a causa dell'assenza di diversi soci che impedivano il raggiungimento della quota legale, mostrandosi intenzionato a portare i libri contabili in Tribunale per la messa in liquidazione. Dichiarazioni che avevano fatto saltare dalla sedia il gruppo di opposizione consiliare che aveva immediatamente richiesto un Consiglio comunale sul tema. Nel corso dell'assise l'amministrazione ed in particolare il Sindaco aveva no respinto tutte le accuse imputando invece le responsabilità dell'inattività dell'organismo al disinteresse mostrato dagli altri enti. Motivo che indurrebbe il Comune a mantenere in vita il Patto sarebbero i sei Milioni di euro di ftnanziamento in atte sa di erogazione dal Ministero, alla fine dell'assise comunque maggioranza ed opposizione avevano deciso di avviare un confronto con tutti i soci per valutare le azioni da intraprendere in questa fase. A distanza di poche ore tuttavia era arrivata la conferma del presidente del Cda di procedere alla messa in liquidazione. All'assessore provinciale alle Attività Produttive Carmine Valentino abbiamo chiesto la posizione della Provincia. Valentino non intende entrare nel merito del dibattito politico sviluppatosi a Ceppaloni e si mantiene su un profilo più 'tecnico' precisando: "La nostra posizione e nota da tempo ai soci a cui è stata esposta a più riprese. II Patto Territoriale ha completato la sua mission ed ha esaurito le risorse a disposizione, pensiamo quindi da tempo di evitare un ulteriore indebitamento dell'organismo". "Da oltre due anni - continua Valentino - siamo dimissionari dal consiglio di amministrazione ed un anno e mezzo fa abbiamo espresso l'intenzione di procedere alla messa in liquidazione". Provvedimento che la Provincia avrebbe adottato per tutti i Patti Territoriali: "le nuove normative in materia ci impongono la fuoriuscita da tutte le società partecipate, ed i questa direzione l'amministrazione provinciale si è mossa". Sui sei milioni,di euro l'assessore precisa come ad ora non vi sia alcun decreto di finanziamento, mentre dichiara che una eventuale modifica dell'organismo non è mai stata oggetto di discussione.


Fonte: Il Sannio Quotidiano

Sei qui: Home News Patto Territoriale. Anche la Provincia per la messa in liquidazione
Find us on Facebook
Follow Us