"Fuga di notizie", nuova indagine su Mastella

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (0 Votes)
(Adnkronos) Roma 6 febbraio 2009 - ‚ÄúContro di me c'√® stata un'azione mediatico-politico-giudiziaria, un autentico complotto. Nell'inchiesta Why not ci sono state 106 persone rinviate a giudizio, mentre sono state archiviate le posizioni di Prodi e di Mastella‚ÄĚ. Clemente Mastella apre il consiglio nazionale dell'Udeur ripercorrendo la vicenda giudiziaria in cui √® stato coinvolto. E poi rivela: ‚ÄúSono stato intercettato in maniera irregolare e illegale anche da altre Procure che mi hanno messo sotto processo‚ÄĚ.
‚ÄúSto acquisendo le prove - insiste - che anche un'altra procura ci ha messo sotto schiaffo e intercettato illegalmente. Andr√≤ avanti per dimostrare che ero nel mirino e che sono stato vittima di una persecuzione‚ÄĚ.
Il caso risale a circa un mese e mezzo fa, quando Mastella riceve un avviso di garanzia dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere.
‚ÄúUn mese e mezzo fa - spiega il leader dell'Udeur - dopo che alcuni collaboratori del ministero sono stati ascoltati dalla procura ricevo un avviso di garanzia per i fatti di un anno fa. Mi si indaga per la fuga di notizie‚ÄĚ, sottolinea. In pratica, si contesta a Mastella di aver dichiarato pubblicamente che c'era una richiesta di arresto per molti esponenti del partito. Richiesta che ‚Äúguarda caso‚ÄĚ si trasforma in arresti ‚Äúproprio il giorno in cui vado alla Camera a fare il discorso sullo stato della giustizia in Italia‚ÄĚ, ricorda Mastella. E ‚Äúguarda caso, √® la stessa situazione che √® capitata a Rutelli quando ha sentito il consulente della procura di Catanzaro‚ÄĚ, rileva l'ex ministro. ‚ÄúMi si indaga per la fuga di notizie, ma non capisco che competenza possa avere la procura di Santa Maria Capua Vetere... La Cassazionepoi ha detto che la procura ha ritirato le richieste nei miei confronti‚ÄĚ. ‚ÄúIl Ros dei carabinieri - sottolinea ancora l'ex guardasigilli - ha stabilito che per ben due volte io sono stato intercettato illegalmente‚ÄĚ. ‚ÄúAlla fine √® stato dimostrato che io non c'entravo per niente con Catanzaro, sono una persona perbene‚ÄĚ. Mastella spiega che √® vero che non si devono confondere la raccolta di tabulati con le intercettazioni vere e proprie, ma ‚Äúil tabulato - rimarca - √® ancora pi√Ļ tremendo dell'intercettazione, perch√® con l'intercettazione almeno si pu√≤ sapere cosa uno dice mentre il tabulato dimostra solo che hai parlato con una persona. E poi chi ci garantisce che dietro il tabulato e gli archivi in Sicilia non ci sia qualcuno che abbia effettivamente ascoltato le registrazioni?‚ÄĚ.
‚ÄúSiamo davanti a una forma di ricatto permanente‚ÄĚ, avverte. Mastella propone di rilanciare il suo progetto di legge per le intercettazioni e annuncia battaglia: ‚ÄúE' mia intenzione fare la battaglia contro Genchi e contro la malagiustizia fin quando non dovranno chiedermi scusa‚ÄĚ.
Il ritorno di Clemente Mastella è tutto nel segno del Mezzogiorno. Al consiglio nazionale dell'Udeur, l'ex guardasigilli mette in chiaro che, allo stato attuale, non c'è alcuna alleanza definita per le prossime elezioni europee. Rotti i ponti con il Pd (con l'accusa a Veltroni di praticare la politica di Erode) il Campanile incassa le aperture, per ora a titolo personale, che arrivano dal PdL. Ma l'Udeur continua a guardarsi intorno. E tutto l'intervento di Mastella ruota intorno alla necessità di dare centralità ai temi del Sud e al rilancio delle regioni meridionali.
Una ‚Äúlotta di liberazione per il Sud‚ÄĚ, ripete in pi√Ļ occasioni Mastella. E non √® un caso se in platea, ad ascoltarlo, c'√® il senatore dell'Mpa, Giovanni Pistorio. Mastella si rivolge a lui quando loda la battaglia solitaria e perdente in Parlamento contro lo sbarramento alle elezioni europee o per strappare, almeno, il voto segreto. Si rivolge a lui quando chiede conferma del fatto di aver lavorato, fino all'ultimo, per non far cadere il governo Prodi. Fino ad arrivare a chiedere proprio all'Mpa i voti che servivano al professore.
E pensa ancora agli autonomisti di Lombardo quando chiede al Parlamento di introdurre nelle legge elettorale una sorta di soglia regionale per garantire la rappresentanza a Strasburgo delle formazioni a carattere territoriale. Le due formazioni, insomma, studiano un'intesa, in vista della corsa per le europee. E che sia qualcosa di pi√Ļ di un'idea lo conferma lo stesso Pistorio, prendendo la parola subito dopo Mastella: ‚ÄúTra di noi c'√® un rapporto consistente. Sono tante le cose -sottolinea Pistorio - che ci spingono a trovare un'intesa‚ÄĚ. Fonte : Epicentrobn.it
Sei qui: Home News Notizie nazionali "Fuga di notizie", nuova indagine su Mastella
Find us on Facebook
Follow Us