Un amore a Firenze

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

Briciole  L’estate era volata via senza che Lucia ne avesse avuto piena coscienza e assaporato la sua bellezza, seduta sul patio si godeva l’ultimo sole autunnale e ripensava con nostalgia agli ultimi giorni trascorsi con i figli e nipotini che le avevano riempito la casa ed il cuore ma anche sconvolto le sue abitudini e certezza di donna matura. Le mancavano le loro risate, le loro urla di gioia ma cominciava a ritornare alla sua abituale e rassicurante routine in attesa di un nuovo “ terremoto” che si sarebbe  abbattuto nella sua casa e nella sua vita…..Si sentiva sospesa e tratteneva il fiato calcolando mentalmente quanto mancava al loro prossimo ritrovarsi! Nel frattempo godeva ad osservare il tripudio di colori delle foglie autunnali, uno spettacolo unico che accendeva il paesaggio di mille sfumature.

Gli ultimi saranno i primi... ma non su questa terra

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (3 Votes)

Briciole

“…. Arnau , io ho lasciato tutto quello che avevo perchĂ© tu potessi essere libero. Ho abbandonato le nostre terre, che da secoli appartengono agli Estanyol, perchĂ© nessuno potesse fare a te quello che avevano fatto a me, a mio padre e al padre di mio padre….Figlio mio impara ad usare la libertĂ  che ci è costata tanto sforzo raggiungere” con queste parole Bernat Estanyol si rivolge al figlio Arnau nel romanzo fiume dello scrittore e avvocato spagnolo Ildefonso  Falcones “La Cattedrale del Mare” .

Sorelle...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (2 Votes)

Briciole  Aveva trascorso la notte insonne, rigirandosi continuamente nel letto, il pensiero dei figli all’estero l’angosciava profondamente. I continui attacchi terroristici nelle maggiori capitali europee la terrorizzavano ,nonostante ciò si sforzava di mantenere i nervi saldi cercando di non far  trapelare le sue preoccupazioni a Mario ma soprattutto ai suoi ragazzi. Quando la sera si collegava tramite la web cam si presentava sempre con un sorriso smagliante ma Luca e Pietro che la conoscevano bene, non si lasciavano ingannare da quell’allegria  forzata e con dolcezza  le dicevano di non preoccuparsi <<Tanto tra qualche anno tutto il mondo sarĂ  in pericolo, non sarĂ  risparmiata nessuna cittĂ  >> ribadiva Pietro con tono pacato, quasi fosse una novella Cassandra al maschile!

Una rondine è volata via...

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

Briciole  Mi posso annoverare tra le tante accanite lettrici dello scrittore napoletano Maurizio De Giovanni , lo seguo fin dalla sua prima opera  â€śIL senso del dolore”l’inverno del commissario Ricciardi, ho sempre apprezzato i suoi “non gialli” perchĂ© nei suoi romanzi prevale l’umanitĂ  dei personaggi  e le passioni che scatenano i delitti. Mi sono innamorata del suo modo di narrare , lo stile fluido e i forti sentimenti che esplodono tra le righe come un fuoco che a stento riesce a reprimere. 

La vita è meravigliosa

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 (1 Vote)

Briciole

Una sera di fine estate Lucia era rientrata a casa prima del solito con la sensazione che qualcosa stava finendo ma che ancora non era completamente passata e cercava di assaporare e catturare, ad occhi chiusi, i sapori, gli odori ed i colori di un’estate da ricordare. “Sindrome malinconica di fine estate” la chiamava e sentiva che qualcosa di irripetibile volgeva al termine: le sere trascorse con gli amici fino a notte inoltrata, la sensazione di libertà e i sogni mai realizzati che accompagnano questo magico periodo dell’anno. Si guardò allo specchio e vide riflessa l’immagine di un volto ancora bello ma segnato da tante rughe e ogni segno era un’emozione vissuta che si era impressa sul suo viso.

Sei qui: Home Briciole di Molly
Find us on Facebook
Follow Us